G7 Lucca, tanti contro uno: ecco come funziona una carica di polizia

G7 di Lucca, feroci cariche di polizia. Eleonora Forenza: «Il governo Gentiloni-Minniti continua a usare il manganello».

di Ercole Olmi

Lucca, 10 aprile: città blindata per il G7 dei ministri degli esteri. Sospese, come tradizione italica, la Costituzione, la libertà di movimento e di espressione. Ecco i video che testimoniano la brutalità degli agenti della celere che, da quando l’ex Pci Minniti siede al Viminale, hanno l’aria di sentirsi a briglia sciolta, più liberi del solito di pestare manifestanti e cittadini. I video sono stati girati da Localteam.it.

“Vergognosa repressione contro i manifestanti: manganelli a proteggere l’ennesima inutile passerella del G7. Il governo Gentiloni-Minniti continua ad usare la repressione contro chi manifesta il dissenso: ieri a Lucca – dichiara Eleonora Forenza, eurodeputata de L’Altra Europa-gruppo Gue/Ngl – ancora una volta le forze dell’ordine hanno caricato e malmenato chi giustamente contestava i “potenti della terra” rinchiusi nella loro zona rossa. Noi diciamo basta alle zone rosse, stop alla repressione di chi ha tutto il diritto di protestare e soprattutto basta a questi inutili e costosi vertici, pure passerelle mediatiche, di organismi come il G7 che nessuno ha eletto e delegato di decidere per i popoli le sorti del mondo. Come gridavamo a Genova, voi G8, noi 6 miliardi! La mia solidarietà ai manifestanti picchiati e caricati ieri a Lucca”.

Ecco come se la cava l’Ansa: Un corteo sfilato pacifico per quasi tre ore ma dove, improvvisamente, è salita la tensione e tra i manifestanti è apparsa una grata di ferro, una rete metallica, dietro la quale un centinaio di giovani dei Centri sociali si sono riparati per fronteggiare le forze dell’ordine schierate a Porta San Jacopo. Subito dopo sono stati accesi alcuni fumogeni e lanciati i primi petardi contro agenti e carabinieri in assetto antisommossa. La tensione è salita ma il tentativo di sfondare il cordone dei blindati e entrare nel centro storico per manifestare davanti ai ministri degli Esteri del G7, riuniti in palazzo Ducale a Lucca, è fallito grazie a una carica di alleggerimento ‘prolungatà delle forze dell’ordine che ha disperso i manifestanti. Alla fine sei agenti sono rimasti contusi (tra loro anche un funzionario) e almeno un ferito è stato registrato tra i manifestanti perchè portato in ospedale e qui, sembra, fermato. Tra i giovani altri sarebbero rimasti contusi ma avrebbero evitato di ricorrere alle cure mediche per evitare problemi con la giustizia. È successo tutto intorno alle 18.00, dopo che il corteo con i rappresentanti dei Centri sociali di altre città toscane era arrivato in piazza don Baronio e si era riunito con i manifestanti di Lucca e delle province della costa che erano nel vicino Centro sociale. Il corteo, circa 300 persone, è quindi tornato verso la stazione ferroviaria sempre passando dal viale che corre esterno alle mura. Nessun problema davanti a Porta Santa Maria, anche questa presidiata, ma 300 metri più avanti la mossa per provare a sfondare. La risposta delle forze dell’ordine è stata, come detto, una carica di alleggerimento ma molto prolungata, almeno fino a quando i manifestanti non si sono dispersi nelle strade laterali, inseguiti da agenti e carabinieri con dietro i furgoni blindati e le loro sirene. Come sempre, in questi casi, tra quanti che protestavano contro il G7, qualcuno si è dissociato dagli scontri ma ha applaudito polemicamente gli agenti mentre a Porta San Jacopo arrivavano le prime ambulanze e i sanitari medicavano i contusi. Quando il corteo si è ricompattato i giovani sono riusciti a farsi restituire il loro furgone ‘bloccatò all’inizio della carica, ma non a far rilasciare i due o tre manifestanti che, secondo loro, sono stati fermati dagli agenti e portati in questura. Per chiedere il loro rilascio si sono quindi diretti verso la stazione e una volta davanti alla questura hanno improvvisato un sit-in assicurando che non si sarebbero mossi fino al rilascio di tutti i fermati. All’interno delle mura, nel centro storico, solo l’urlo delle sirene ha fatto realizzare a una città ‘desertà già da stamani che fuori stava succedendo qualcosa di non previsto. Per la verità già nei giorni scorsi i centri sociali avevano annunciato che non avrebbero accettato i divieti imposti al corteo che aveva ottenuto il permesso di sfilare ma solo fuori da quelle zone che non erano state identificate come ‘rossè, ma blu, verdi e gialle. Cambiava il colore ma non la sostanza: sì alla manifestazione ma lontana dai ministri. E così è stato. Fuori i maggiori problemi li hanno avuti gli automobilisti lucchesi: per loro divieto di accesso al centro storico e continui blocchi per la manifestazione fino a tarda sera.



Torna alla homepage

Articoli sullo stesso argomento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Ads by Google
immaginazioni
Terza pagina
Culture