Mondiali, Italia-Israele. Meglio un calcio all’apartheid

Reggio Emilia, martedì si gioca Italia-Israele. BDS Italia lancia un “Cartellino Rosso all’Apartheid Israeliana”, per denunciare le violazioni di Tel Aviv anche in ambito sportivo

di Francesco Ruggeri

 

fifa5sept-650

Italia-Israele per i Mondiali 2018: cartellino rosso da parte della campagna di boicottagio, Bds, contro l’apartheid israeliana, a sostegno dei diritti palestinesi. Nella città di Reggio Emilia, forte sostenitrice della lotta contro l’apartheid in Sudafrica, scenderanno in campo le due nazionali il 5 settembre. Associazioni locali e nazionali stanno organizzando una serie di iniziative per sensibilizzare i cittadini sulle violazioni dei diritti umani e della legalità internazionale da parte dello stato di Israele, che colpiscono anche un diritto elementare come quello di praticare delle attività sportive.

Il programma prevede un presidio per illustrare le condizioni degli sportivi palestinesi sabato 2 settembre, un incontro pubblico sul diritto allo sport per tutti in Palestina cui aderiscono tra gli altri le sezioni locali di UISP, FIOM, CGIL, Pax Christi, ARCI, con collegamenti video dalla Palestina, lunedì 4 settembre,  e la distribuzione di cartellini rossi allo stadio il giorno della partita, oltre ad azioni sui social media.

Il governo israeliano usa il calcio come uno strumento di propaganda per accreditare Israele come un “paese normale” di fronte all’opinione pubblica mondiale. Ad esempio, Avraham Luzon, allora presidente della Associazione Calcistica Israeliana (IFA), in occasione del Campionato UEFA Under-21 tenutosi in Israele nel 2013, ha affermato “sono ansioso di mostrare al mondo il nostro caldo, moderno e grande paese ospitando questo prestigioso torneo. […] L’organizzazione di questo torneo porterà molti frutti a Israele […].”

«Ma Israele non ha niente di normale», spiegano alla Bds, associazioni e gruppi in tutta Italia che hanno aderito all’appello della società civile palestinese del 2005 per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele e le imprese complici fino a quando Israele non rispetterà il Diritto Internazionale ed i Diritti Umani (il movimento BDS sostiene la parità di diritti per tutte e tutti e perciò si oppone ad ogni forma di razzismo, fascismo, sessismo, antisemitismo, islamofobia, discriminazione etnica e religiosa). «Da oltre 70 anni viola i diritti umani dei palestinesi e la legalità internazionale, imponendo un regime di colonizzazione, occupazione militare e apartheid che non risparmia nemmeno il mondo dello sport. Le autorità israeliane hanno: bombardato e distrutto stadi palestinesi; detenuto, imprigionato e ucciso giocatori palestinesi; impedito ai calciatori palestinesi di viaggiare dentro e fuori i territori Palestinesi occupati per allenarsi e per le partite; sparato deliberatamente ai piedi di giovani giocatori di calcio, ponendo fine alla loro carriera».

L’Associazione calcistica di Israele (IFA) comprende sette squadre con sede nelle colonie israeliane costruite in violazione del diritto internazionale su terre palestinesi. Queste squadre giocano nei Territori Palestinesi Occupati in violazione delle norme FIFA che proibiscono di giocare partite sul territorio di un altro membro senza l’approvazione di quest’ultimo.

Reggio Emilia fin dagli anni Settanta si è schierata a fianco della lotta all’apartheid in Sudafrica, aderendo anche al boicottaggio, e ancora oggi celebra questo storico legame organizzando il Mandela Day. Il forte sostegno di Nelson Mandela per i diritti dei Palestinesi è riassunto nella sua storica frase: ”la nostra libertà è incompleta senza la libertà dei Palestinesi”.

Proprio alla lotta contro l’apartheid in Sudafrica, dove il movimento di boicottaggio internazionale ha avuto un ruolo fondamentale, in particolare nel campo sportivo, si ispira il movimento internazionale per il Boicottaggio, il Disinvestimento e le Sanzioni verso Israele (BDS).

Questa tradizione di solidarietà internazionale di Reggio Emilia e dei suoi cittadini contro l’oppressione e le violazioni dei diritti umani si rinnova per affermare i diritti dei palestinesi, mettendo Israele di fronte alle proprie responsabilità.

fifa-zurigo3

 

Ecco il programma:

(S)qualificazioni mondiali: diamo un calcio all’apartheid israeliana.

Sabato 2 settembre, dalle 10 alle 13

piazza Antonio Fontanesi

Presidio e flashmob

Organizzano: BDS Reggio Emila e BDS Bologna

Incontro Pubblico: “SPORT SOTTO OCCUPAZIONE. Diritto allo sport in Palestina. Lo sport per tutti come strumento di pace”.

Lunedì 4 settembre, ore 18:00

Bio-Osteria “La Ghirba” – Via Roma, 76

Lo sport è stato indicato da Nelson Mandela come un mezzo di trasmissione di valori umani universali, ma anche il diritto allo sport è negato, insieme ad altri diritti fondamentali. Nei Territori Palestinesi Occupati (in Cisgiordania, a Gerusalemme est e nella Striscia di Gaza) il diritto allo sport è limitato e spesso negato: ne parliamo con alcuni testimoni.

A seguire apericena con specialità palestinesi (10 euro). Per prenotazioni: SMS al numero 351 1678923

Organizzano: ARCI Reggio Emilia, ASSOPACE PALESTINA Bologna, CGIL Reggio Emilia, Democrazia e Lavoro CIGL FP Bologna, Donne in Nero – Bologna, Modena, Ravenna, FIOM Reggio Emilia, Pax Christi Regione Emilia Romagna, Partito Comunista Italiano Reggio Emilia, Rifondazione Comunista Reggio Emilia, UISP Reggio Emilia

Cartellino rosso a Israele

Martedì 5 settembre, prima della partita

Ritrovo alle ore 17:00 presso la Parrocchia di San Paolo – Viale Regina Margherita 17

Volantinaggio allo Stadio Mapei

Organizzano: BDS Reggio Emilia, BDS Bologna

Riempiamo i social di cartellini rossi a Israele!

Martedi 5 settembre, a partire dalle ore 20.45

Azioni sui social media

Thunderclap per un tweet/post collettivo durante la partita.

Mostriamo il cartellino rosso a Israele! Durante la partita tweeta le immagini del cartellino rosso e utilizza gli hashtag #ItaliaIsraele, #ItaIsr e #WorldCup. Segui @bdsitalia per altri hashtag.

Segui la campagna #RedCardIsrael: bdsitalia.org/cartellino-rosso  – bdsmovement.net/red-card-israel

Per informazioni organizzative e sulla possibilità di pernottamento: 351 1678923

Aggiornamenti su Facebook: BDS Italia ; BDS Reggio Emilia

PER ULTERIORI INFORMAZIONI SUL MOVIMENTO BDS E SULLE INIZIATIVE IN CORSO: Sito web: bdsitalia.org



Torna alla homepage

Articoli sullo stesso argomento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Ads by Google
immaginazioni
Terza pagina
Culture