Frida Nacinovich: «Sfido il ministro Lotti. Potere al popolo!»

Giornalista, comunista, candidata in Toscana per Potere al Popolo: “Voglio prendere un voto in più del ministro Lotti”

di Andrea Montagni

Frida Nacinovich, il lettore l’ha conosciuta sulle pagine di Liberazione, quando ne era direttore Sandro Curzi e la sinistra era divisa solo in due e non in tanti pezzi. L’ha ritrovata sulle riviste della Sinistra sindacale Cgil, sulle colonne culturali del periodico Il Teatro e il Mondo, e quando ha provato a contattarla si è sentito rispondere da Bruxelles. Niente male per una giornalista professionista da vent’anni, notista parlamentare, collaboratrice di programmi Rai e di rassegne stampa Sky. Fra un ritratto di Antonio Albanese e un’intervista al sarto che ha cucito l’abito Brioni indossato dallo 007 Daniel Craig, la ritroviamo oggi candidata nelle liste di Potere al Popolo!. Ce ne chiediamo il perché, e lei puntualmente ci risponde. “Voglio prendere un voto in più del ministro Lotti”. Ascoltiamola.

È giusto che anche i giornalisti accettino la sfida delle elezioni politiche?

È una domanda che mi sono fatta. Nel corso delle prime assemblee che ho affrontato da candidata, avevo una voglia matta di tornare dall’altra parte della barricata e chiedere a Michele della sua storia dentro il partito comunista italiano, di suo padre che fu deportato ad Auschwitz, di come era Graziano Cioni da giovane. Avrei voluto abbandonare un paio d’ore l’assemblea e andare al presidio degli operai della Falegnami Italia, una fabbrica di armadi dove per evitare trenta licenziamenti gli operai hanno proposto di ridurli lo stipendio. Si dice che giornalisti si diventa, ma io credo che ci voglia una passione particolare e a me è sempre piaciuto racontare le storie delle persone, lavoratori, politici, attrici e attori di teatro, registi, cantanti. In questi anni la Cgil mi ha dato la possibilità di intervistare delegati sindacali di ogni parte di Italia. Uno scrigno di testimonianze preziose come perle per capire l’Italia che stiamo vivendo. Perché la crisi ha colpito indistintamente e molti, da chi cuce gli abiti di scena per film famosi, penso alla Brioni che ha vestito James Bond, all’’operaia pugliese che ha denunciato il caporalato, e con il suo grido di dolore ha smosso le coscienze dell’opinione pubblica. Una storia che sembra presa di per dalle cronache di inizio secolo scorso. Voglio bene alla ‘mia’ “Officina del lavoro” come ai mie libri più amati e letti, ad esempi quelli di Boris Vian. Le ho conservate tutte, mi piacerebbe diventassero un libro. Tornando alla tua domanda: sono una giornalista che ha accettato la sfida. Penso che sia giusto metterci la faccia. Anche per onestà intellettuale.

Hai detto che accetti la sfida. Ma cosa ti ha convinta a sostenere le ragazze e i ragazzi di ‘Potere al popolo’?

Mi hanno chiesto di correre alle elezioni politiche nell’uninominale nel collegio empolese valdelsa, la loro assemblea ha dato il gradimento all’unanimità , lo considero un onore. Il mio battesimo giornalistico, una storia che ha più di vent’anni, è stata la campagna elettorale delle suppletive del 1997 in Mugello. Raccontavo le giornate di Sandro Curzi, impegnato contro Antonio Di Pietro e Giuliano Ferrara, su ‘manifesto’ e ‘liberazione’. Un impegno che a me, all’epoca poco più che ventenne , mi faceva tremare le gambe. Da allora non ho più lasciato Curzi, l’ho seguito a Roma e ho cominciato a fare la cronista parlamentare, ma questa è un’altra storia. Sono passati molti anni, ma un particolare lo ricordo bene: Curzi voleva dare la possibilità ai cittadini del Mugello di votare a sinistra. Perché Di Pietro, peraltro persona degnissima, magistrato coraggioso, eroe di mani pulite, semplicemente non era di sinistra. Come dicevamo in quei mesi: che c’azzecca Di Pietro con la sinistra?

A proposito: il bilancio della legislatura appena finita registra come i governi Letta, Renzi e Gentiloni abbiano sempre dimostrato grande attenzione alla finanza e al mercato. Non certo al lavoro. Come si può cambiare rotta?

Semplice, abolendo quelle riforme, dal jobs act alla legge Fornero, che hanno aperto una ferita mai più rimarginata nelle classi lavoratrici e nei ceti popolari. Tutti questi governi, al di là dello stile personale del presidente del Consiglio di turno, hanno adottato un problema liberista, analogo se non identico a quello proposto dalla destra berlusconiana. Non per caso, a inizio legislatura, con il cosiddetto patto del Nazareno il Pd e Forza Italia governavano insieme.

Perché candidarsi con Potere al popolo? In fondo è nata una lista elettorale di sinistra, ‘Liberi e Uguali’.

Penso che Renzi, più che le persone avrebbe dovuto rottamare queste idee. Invece ha presentato e fatto approvare provvedimenti che con la sinistra non hanno alcunché a che fare. Quanto a Liberi e Uguali, non mi dimentico che la nostra Costituzione è stata cambiata, molto in peggio, con l’introduzione del pareggio di bilancio nell’articolo 81. Votato da una larga maggioranza trasversale che comprendeva il Pd di Bersani, non quello di Renzi. Taccio per carità di patria sul voto favorevole alla deforma costituzionale dato da molti attuali esponenti di Leu, a partire dal presidente toscano Enrico Rossi. Quanto a D’Alema, continuo a pensare che la guerra in Kosovo e i bombardamenti sulla Jugoslavia e sulla sua capitale Belgrado siano stati un’autentica follia. La guerra è tornata in Europa, quando dopo la fine del secondo conflitto mondiale, costato la vita a decine e decine di milioni di militari e soprattutto civili, da De Gasperi ad Adenauer, da De Gaulle ai governi laburisti inglesi di Attlee e Bevan, era stato detto solennemente ‘mai più’.

Che prospettive immagini per Potere al popolo?

Se riusciremo a entrare in Parlamento sarà la vera novità di queste elezioni. Chiunque si sente di sinistra, dai movimenti per i beni comuni ai protagonisti di tante vertenze aperte da un capo all’altro della penisola, dovrebbe darci una mano in questa direzione. Non possiamo lasciare al leghista Salvini la proposta di abolire la legge Fornero e il jobs act, né al movimento Cinque stelle l’altra bandiera di una politica pulita che sia al servizio dei cittadini. L’intuizione delle ragazze e dei ragazzi di Genova di un altro mondo possibile, anzi necessario, non ha perso un grammo della sua attualità. Del resto la crisi delle socialdemocrazie europee è conclamata in tutta Europa. Il fallimento di un ciclo politico. Si dirà che l’inglese Corbyn ha sempre fatto parte del partito laburista. Certo, ma è sempre stato dichiaratamente all’opposizione delle politiche liberiste travestite da terza via di Tony Blair e dei suoi emuli.

#FridavsLotti #elezionipolitiche2018 #poterealpopolo



Torna alla homepage

Articoli sullo stesso argomento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Ads by Google
immaginazioni
Terza pagina
Il ’68 di una fuori sede

Dal ’68 torinese: memoria, storia e sogno di una protagonista "periferica". Maria Teresa Gavazza: Il

Culture