Rita Atria, vent’anni di memoria attiva nel nome di una grande picciridda

Lascia un commento

L’8 Agosto a Milazzo festa per i primi vent’anni dell’Associazione Antimafie Rita Atria. Venti anni di commemor-azione e sostegno alle lotta per la verità e la giustizia

di Alessio Di Florio

8932a914b60e863649fe6e5489f4ae5a_765139

Appariva una mattina come tante altre. Il sole riscaldava le città e le campagne, i dorati riflessi danzavano sulle onde e baciavano le vette dei monti. Ma quel 26 luglio cadeva in un momento drammatico: l’Italia era sotto shock, da pochissimi giorni era stato assassinato Paolo Borsellino, considerato simbolo dell’antimafia insieme a Giovanni Falcone, assassinato nel maggio precedente. Una cappa terribile opprimeva gli animi e la vita sociale e civile. Un peso immenso che divenne troppo grande quel 26 luglio per una ragazza a Roma. Una ragazza molto più grande di tanti adulti che l’avevano circondata e che attraversano quotidianamente le strade e le piazze d’Italia. Quella ragazza era Rita Atria, una delle tantissime alunne che quell’anno affrontarono l’esame di maturità. Ma che aveva qualcosa di speciale. Figlia di una famiglia legata alle cosche mafiose, dopo aver visto assassinare il padre e il fratello decise di collaborare con la magistratura. Divenne la “picciridda” di Paolo Borsellino, una “picciridda” dal cuore grande e dal coraggio immenso. Dopo l’assassinio di Borsellino scrisse sul suo diario “Prima di combattere la mafia devi farti un auto-esame di coscienza e poi, dopo aver sconfitto la mafia dentro di te, puoi combattere la mafia che c’è nel giro dei tuoi amici, la mafia siamo noi e il nostro modo sbagliato di comportarsi. Borsellino sei morto per ciò in cui credevi, ma io senza di te sono morta”. E il 26 luglio 1992 si tolse la vita lanciandosi dal settimo piano del palazzo dove viveva in segreto.

Due anni dopo nacque l’Associazione Antimafie Rita Atria. Erano mesi difficili, l’anno successivo agli attentati mafiosi in varie città nel “continente”, il Movimento Sociale Italiano per la prima volta era al governo. 3 mesi prima dell’attentato a Falcone nel 1992 erano morti Sandro Marcucci e Silvio Lorenzini in un incidente aereo la cui dinamica non è mai stata chiarita(http://www.ritaatria.it/LeStorie/Dimenticati/SandroMarcucci.aspx). Un incidente che si ricollega alla strage di Ustica e alle nebbie mai dipanate sulla verità di quel tragico evento. Nella storia dell’Associazione Antimafie Rita Atria le vite di Rita Atria, di Sandro e di Silvio si incontrano. E ne incontrano tantissime altre. L’anno in cui si suicidò, Rita era impegnata nell’esame di maturità e scelse il tema sulla strage di Capaci. Scrisse (http://www.ritaatria.it/Testimoni/RitaAtria/IlTema.aspx ) “L’unica speranza è non arrendersi mai” perché “L’unico sistema per eliminare tale piaga è rendere coscienti i ragazzi che vivono tra la mafia che al di fuori c’è un altro mondo fatto di cose semplici, ma belle, di purezza, un mondo dove sei trattato per ciò che sei, non perché sei figlio di questa o di quella persona, o perché hai pagato un pizzo per farti fare quel favore. Forse un mondo onesto non esisterà mai, ma chi ci impedisce di sognare. Forse se ognuno di noi prova a cambiare, forse ce la faremo”. Parole intense, vibranti e commoventi di chi la mafia l’ha avuta in casa e ha avuto il coraggio di ribellarsi. E’ diventato il testamento morale di Rita, quel testamento che l’associazione sorta nel 1994 in suo nome ha cercato in questi vent’anni di portare avanti. Senza mai chinare il capo, senza mai arrendersi, denunciando, lottando, impegnandosi in prima fila. Con “la voglia di stare con i perdenti” fedeli alle parole di Sandro Marcucci che “con la nostra storia e con il nostro impegno e non con le parole e i nostri principi bisogna avvicinarsi agli altri” come disse Nadia Furnari, colonna dell’associazione ed uno dei venti che più impetuosamente diffondono il “fresco profumo di libertà” di chi crede in un’antimafia verace, di lotta, che non si siede nei salotti ma quotidianamente imperla la propria fronte nell’impegno in primissima fila, nel numero 3 della rivista Casablanca nel luglio 2006 (http://www.ritaatria.it/LeStorie/Donne/LeSiciliane/NadiaFurnari.aspx). Tantissimi i compagni e le compagne di viaggio in questi anni, dai movimenti LGBTQI a varie associazioni che s’impegnano contro le mafie, senza dimenticare i movimenti pacifisti, antifascisti e antirazzisti, l’informazione libera. Ripercorrere tutte le tappe di questi vent’anni sarebbe impossibile. La mole di denunce, attività, manifestazioni coinvolge la Sicilia e Roma, l’Abruzzo e la Puglia. Denunce contro le mafie, per chiedere giustizia per Sandro Marcucci, Silvio Lorenzini, Mario Dettori (anche lui legato alla strage di Ustica, il 27 giugno 1980 di servizio al radar di Poggio Ballone, http://www.ritaatria.it/LeStorie/IncidentieStragi/StragediUstica/Quellemortipercaso/MarioDettori.aspx ), Emanuele Scieri (http://www.ritaatria.it/LeStorie/Dimenticati/EmanueleScieri.aspx, partito da Siracusa il 21 luglio 1999 per fare il servizio militare nei parà della caserma “Gamerra” di Pisa della “Folgore” e tornato a casa un mese dopo chiuso in una bara), Anna Maria Scarfò (http://www.ritaatria.it/LeStorie/Donne/LeCalabresi/AnnaMariaScarf%C3%B2.aspx, una ragazza coraggiosa che ha sfidato la brutalità disumana di chi ha violentato lei per anni tentando poi di fare altrettanto con la sorellina e l’omertà di chi la circondava),   Maria Concetta Cacciola   (http://www.ritaatria.it/LeStorie/Donne/LeCalabresi/MariaConcettaCacciola.aspx , che si era ribellata alla ‘ndrangheta e aveva avuto il coraggio di denunciare). Impegni in prima fila in tantissimi movimenti. Come quello contro il Muos, il mega sistema satellitare che gli USA vogliono installare dentro una Riserva Naturale a Niscemi. Un impegno che si è realizzato nel denunciare i rischi di quest’installazione, nei ricorsi al TAR contro le autorizzazioni e la “revoca della revoca” da parte della Regione Sicilia (in un primo momento aveva revocato le autorizzazioni a lei spettanti per poi decidere di revocare tale revoca) e nelle manifestazioni. Il 9 Agosto prossimo ci sarà una nuova manifestazione (http://www.nomuos.info), convocata anche dopo il respingimento sia alla Camera che al Senato di due mozioni che chiedevano il “blocco totale e immediato del MUOS”. E la vigilia di questa nuova manifestazione è segnata dal divieto di dimora contro 29 attivisti No Muos (http://popoffquotidiano.it/2014/07/31/gli-attivisti-nomuos-denunciati-sono-pronti-a-tornare-a-niscemi/ ). L’Associazione Antimafie Rita Atria denuncia in “uno di questi atti” un “non troppo velato avviso” (http://www.ritaatria.it/ArchivioNews/tabid/159/EntryId/692/Comunicato-Stampa-quelle-29-misure-cautelari-e-il-non-troppo-velato-avviso-allassociazione-e-alla-sua-referente-per-il-NO-al-MUOS.aspx) contro la sua presenza e attivismo nel movimento No Muos, ribadendo di essere orgogliosamente accanto “a tutti i movimenti che dicono NO ai progetti di morte e di distruzione e SI all’autodeterminazione dei popoli e SI al diritto alla VITA!” come “NO MUOS”, “No-TAV”; “No-DAL MOLIN”; “NO-RADAR Sardegna”; “NO-DISCARICHE”; “NO-PONTE”; “NO-TRIV”. Movimenti che oggi rappresentano la “storia della Resistenza italiana” in un Paese “solerte nel reprime chi invece dovrebbe essere insignito della medaglia al valore civile per il tentativo di fermare a mani nude uno strumento di morte”, un “Paese di burattinai”. Nadia Furnari denuncia che “se esistono i burattinai è perché il mercato dei burattini è florido. Se tutto questo può accadere è perché ha vinto la rassegnazione e l’ignoranza. Hanno distrutto la speranza … e mentre la distruggevano e la continuano a distruggere… c’è chi sta alla finestra a guardare riprendendo la scena con il proprio I-Phone…” ricordando anche un intenso brano di Mario Ciancarella (che denuncia da anni di essere stato radiato dall’Aeronautica militare con l’unica colpa di aver voluto cercare giustizia per i morti di Ustica e le morti successive di cui si è già scritto): “Potrebbe sembrarci lontano ed insignificante quello che scrissero con tanta serena dignità e forza – senza nascondere nè le paure, nè la amarezza, umanissime – i tanti condannati a morte della Resistenza, di ogni ceto sociale e di ogni livello culturale.

Ma può essere utile pensare che, se ogni goccia compie con fedeltà il suo percorso, è indubbio che le gocce finiranno per incontrarsi e diverranno sorgente e poi ruscello e poi fiume ed infine mare. Tutto questo non è poesia ma la Legge fondamentale della Vita, immutabile. Dove essa viene tradita tutto diviene arido ed infecondo. Questa semplice certezza è stata la pelle ed il sangue di ciascuno di noi. La sofferenza e la consapevolezza di “aver perso” non possono mutare il giudizio finale: “E’ impossibile pentirsi”.

Il 6 febbraio (http://www.ritaatria.it/Home/tabid/55/EntryId/638/LAssociazione-Antimafie-Rita-Atria-rimanda-politicamente-al-mittente-l-avviso-a-Nadia-Furnari.aspx) di quest’anno l’Associazione aveva già reso noto che Nadia Furnari era stata tra coloro che avevano ricevuto un avviso di garanzia “per essersi, in concorso con altri, “introdotta arbitrariamente in un luogo ove l’accesso è vietato nell’interesse militare dello Stato e, nello specifico, all’interno della base statunitense “naval radio Transmitter facility (NRTF) d contrada Ulmo a Niscemi (CL), fatti accaduti in contrada Ulmo a Niscemi(CL) in data 09/08/2013″. L’Associazione, oltre ad aver espresso sostegno e solidarietà a Nadia e agli altri attivisti colpiti da tale provvedimento, ha “rimandato politicamente al mittente” l’avviso perché “se si parla di “intrusione abusiva” questa va contestata a chi, abusivamente, si è introdotto, fin dagli anni 90 all’interno di una riserva naturale, la “sughereta” di Niscemi, violentandola e stuprandola con la costruzione di una base militare prima e con l’installazione del MUOS poi; una riserva naturale di interesse Comunitario (SIC) la cui tutela è garantita dalla Costituzione Repubblicana italiana e dallo Statuto speciale della Regione Siciliana; Costituzione e Statuto che sono diventate carta straccia davanti alle evidenti complicità istituzionali nazionali e regionali”, sottolineando che l’avviso “assume un connotato intimidatorio” davanti al quale l’Associazione non intende “indietreggiare di un millimetro”.

Il prossimo 8 Agosto l’Associazione Antimafie Rita Atria festeggerà i suoi primi vent’anni di “memoria attiva” (l’immagine dell’evento è stata realizzata da Mauro Biani mentre il logo è di Silvestro Nicolaci) a Milazzo, nella suggestiva cornica del castello della città. La giornata sarà dedicata a Simona Scibila, una generosissima attivista dell’associazione scomparsa prematuramente nel febbraio scorso, a Salvatore Coppola (editore siciliano http://www.coppolaeditore.com/ , scomparso nei mesi scorsi per un aneurisma cerebrale che in poche settimane l’ha strappato alla vita, e compagno di viaggio dell’Associazione per tanti anni) e ai tantissimi compagni di viaggio di questi venti lunghi anni di attività. Ma non sarà una commemorazione retorica e con lo sguardo verso il passato, non ci sarà alcun reducismo o celebrazione. Perché il vero ventennale che sarà protagonista della giornata non sarà quello già trascorso ma quello che verrà. Con i No Muos, con chi lotta contro le mafie, con le R-Esistenze vive in quest’Italia sempre meno democratica, con i movimenti antifascisti (in un Paese dove, come anche l’Associazione ha denunciato molte volte, i fascismi si stanno nuovamente diffondendo in molti luoghi) e antirazzisti, contro l’omo-lesbo-trans-fobia e ogni intolleranza, per la verità per ogni vittima di ingiustizia e oppressione.

ventennaleritaatria



Torna alla homepage

Pubblicato in Quotidiano movimento

Articoli sullo stesso argomento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

EN PASSANT
  • Ma quali Olimpiadi nel 2024 se Casaleggio ha predetto la guerra mondiale atomica nel 2020?
  • Virginia Raggi
immaginazioni
Ads by Google
Terza pagina
Culture