Sinistra, sarà l’anno del Pds?

Lascia un commento

Il Pd verso un accordo con Sel per le comunali del 2016. Dopo la rottura del tavolo “rosso” Rifondazione ha tenuto ugualmente la consultazione interna. Ma chi lo vuole davvero un soggetto unitario della sinistra?

di Giulio AF Buratti

pds

Riassunto delle puntate precedenti: il tavolo “rosso” non c’è più, con la proclamazione del gruppo parlamentare comune Sel ha promosso una sorta di unità dall’alto con un po’ dei transfughi del Pd meno Civati, poi sempre Sel (o chi per lei) ha mimato una sorta di unità dal basso con un appello irrituale, senza firme in calce, per rilanciare un’assemblea a febbraio che sancisca il soggetto unico, con tanto di scioglimento delle entità precedenti, subito o almeno in prospettiva.

«C’è solo una condizione già decisa e sottratta alla discussione di tutti (e che disvela carattere fintamente non proprietario dell’appello): bisogna essere disponibili allo scioglimento – scrive l’eurodeputata Eleonora Forenza – tradotto: per costruire la sinistra vanno bene tutti, tranne quelli che non si convincono che il comunismo sia solo una tendenza culturale, un fatto privato, un elemento di nostalgia. Quelle e quelli sono palle al piede che minano la qualità del processo, anche se da anni propongono una sinistra unitaria e basata sul principio una testa un voto (dunque, «non un cartello, né una federazione»). Ora, «i ragazzi» a cui Cofferati vuole passare il testimone (verrebbe spontaneo chiamarli Coffy boys, ma è doveroso non farlo) sostengono virilmente che i processi politici «si aprono a spinta». Anche a spinta fuori di qualcuno. Che dire? No grazie. Questo è un gioco che non mi piace, preferisco la sottrazione».

Forenza svela che quel «di tutti» nel titolo dell’appello anonimo, «suona, nel suo furore interclassista, così subalterno al cittadinismo grillino, all’”uno vale uno”».

«Provando a dare un nome alle cose (ve li ricordate, il nome e la cosa?) – continua l’eurodeputata della Lista Tsipras, membro della segreteria Prc – Sel, che già dalla scorsa estate discute del proprio autoscioglimento e ha investito persone e risorse sul progetto di una piattaforma digitale (“non proprietaria”, ma di fatto volutamente tenuta fuori dalla discussione comune del “tavolo” unitario, dopo un seminario a Cecina dello scorso settembre), ha deciso con il movimento di Fassina di fondare un nuovo partito, che ha già un gruppo parlamentare, Sinistra Italiana. Per brevità (solo per brevità) chiameremo questa cosa Piattaforma Digitale della Sinistra, Pds 2.0. I Pds 2.0 concordano, quindi, di sostenere un testo di Act che parla di partecipazione. Concordano la data. Sulla città e la sala faranno sapere. Insomma, venite. Casa nostra, il Pds 2.0, è aperto. Speriamo non pensino ad aprire anche il televoto per risolvere la competizione sul leder tra i giovani maschi in campo.

Ma il Pds 2.0 è il contrario di una sinistra di tutti anche perché volutamente non unitario. Nasce sulla rimozione del documento sottoscritto da tutti (compresi gli anonimi estensori dell’appello) “Noi ci siamo”, che, pur coi suoi limiti (a partire dal suo carattere monosessuato), convocava un appuntamento unitario a metà gennaio. Su questo appello aveva lavorato molto l’Altra Europa, proprio nella direzione unitaria. Evidentemente però, dopo la fondazione di Sinistra Italiana il terreno unitario è diventato un inciampo alla fondazione di un nuovo partito (basti vedere le recenti dichiarazioni di Vendola a Repubblica).

Si dirà, ma è un appuntamento (al buio) aperto: aperto a chi è alternativo al Pd e a chi vuole sostenere Sala (come dice una giovane assessora milanese di Sel), a chi vuole stare nel Gue e a chi non vuole uscire dai Socialisti, a chi ha votato il pareggio di bilancio in Costituzione e a chi si accinge alla campagna referendaria. Su tutte queste quisquiglie, come la prospettiva europea e l’alternatività al Pd, sarebbe stato evidentemente retrò avanzare una proposta da sottoporre alla discussione.

La storia della sinistra italiana è già stata avvelenata abbastanza (mescolo tragedie e farse degli ultimi trent’anni) dall’idea che per costruire la sinistra le comuniste e i comunisti dovessero rinunciare a un proprio nome e cognome. Così come la retorica generazionale del passaggio del testimone e della “discontinuità” ha già prodotto dirigenti che poi hanno confuso i social forum e la Leopolda».

Rifondazione, dunque, non vuole scioglersi ma sembra crederci ancora che possa nascere un soggetto plurale della sinistra anche se molti segnali sembrano accreditare l’ipotesi di un asse tra “grande Sel” e Pd quasi ovunque alle comunali prossime. La consultazione interna, che doveva supportare le trattative del tavolo “rosso”, s’è tenuta lo stesso. Come è andata? Scrive Ezio Locatelli, responsabile organizzativo del Prc, che la consultazione delle iscritte e degli iscritti di Rifondazione Comunista, con i verbali fin qui arrivati, ha dei dati «inequivocabili». La stragrande maggioranza, il 71,4% di quanti hanno partecipato alle 462 riunioni, di Circolo o di più Circoli accorpati, che si sono tenute in tutta Italia, ha approvato la proposta avanzata a maggioranza dal Comitato Politico Nazionale imperniata sul rilancio di Rifondazione Comunista e sulla costruzione di un soggetto unitario della sinistra.

Il testo sottoposto alla discussione parlava dell’impegno al rafforzamento e al rilancio di Rifondazione Comunista e di costruzione del soggetto unitario e plurale della sinistra antiliberista. «Una partecipazione che non è per niente venuta meno con la rottura del tavolo di confronto nazionale operata dalle forze che hanno dato vita a Sinistra Italiana. Anzi è avvenuto il contrario, segno non solo del riconoscimento di fondo di una proposta politica ma della linearità di atteggiamento tenuto da Rifondazione Comunista. La nostra proposta di unità della sinistra non svanisce certo con l’interruzione del confronto al tavolo nazionale», si legge nel report di Locatelli che, «con una punta di orgoglio» rivendica il successo della consultazione: oltre 5 mila le iscritte e gli iscritti che hanno preso parte attivamente al voto, oltre che alla discussione. Una partecipazione notevolmente superiore, più del doppio, rispetto a quella che c’è stata in occasione della consultazione per la lista l’Altra Europa con Tsipras. Allora i partecipanti furono 2441.

Ma la minoranza interna, scettica se non contraria al processo costituente, smonta l’entusiasmo del capo dell’organizzazione del Prc. Spiega Ugo Boghetta, ex parlamentare ed ex responsabile trasporti, che la consultazione «non è mai stata normata». Non c’è un regolamento discusso e approvato. Non c’è la garanzia di accesso per le posizioni alternative. Inoltre il testo del quesito sarebbe stato partorito dalla segreteria. «Sarebbe stato opportuno che venisse presentato da una commissione unitaria, ad esempio la commissione di garanzia», dice Boghetta che oggi rappresenta l’ala no euro di Rifondazione. «Se poi guardiamo i dati emerge che ben 136 circoli hanno visto partecipare fra i 6/9 compagni, 4/5 in altri 63 circoli, 29 fra 2/3 e 11 con una sola persona! E parliamo di partecipanti ad una votazione. Come ben sappiamo per arrivare al numero degli attivisti dobbiamo ridurre ancora. Ha votato il 43% degli iscritti. La linea vincente ha il  consenso di solo  un/terzo  degli   iscritti.  Se   fosse  un’elezione  borghesegrideremmo alla scandalo. La domanda che sorge è: a che servono circoli come questi? Sono circoli o gruppetti di amici? Fanno politica? Che discussione possono fare? Viene il dirigente di turno e si vota sulla fiducia. In questo quadro è comprensibile la fuga in una sinistra qualsiasi». Boghetta accusa la maggioranza di cercare solo una sponda per le elezioni, «con buona pace del  documento congressuale che afferma il contrario. Il risultato è, dunque, anche specchio dallo stato del partito». per lui, un partito così dis/organizzato non serve aduna “guerra di posizione”: «è troppo debole politicamente e culturalmente. Non serve ad una “guerra di movimento”: è troppo frastagliato, spoliticizzato, de-teorizzato. Non serve nemmeno per fare una discussione dignitosa».

«Sbagliare è normale – conclude Boghetta – allontaniamoci in fretta prima che andando con gli zoppi finiamo anche noi per zoppicare. Le alternative ci sono. Difficili anche queste. Ma ci sono. Resettiamo tutto. Cerchiamole insieme».

«Personalmente continuerò a battermi da compagna, femminista e comunista – riprende lo scritto di Eleonora Forenza – affinché anche in Italia ci sia una forza politica che cambi i rapporti di forza, affinché la costruzione di una sinistra unita sia in primo luogo un lavoro socialmente utile: una sinistra europea, interna al Gue, alternativa al Socialismo europeo e al Pd; una casa comune della sinistra e tante agorà in cui si riavvii un processo di politicizzazione di massa e una ripresa del conflitto sociale (grandi assenti del contesto italiano); una sinistra che riconosca e connetta la molteplicità delle forme del fare politica, del fare società, del fare cultura oggi; che costruisca pratiche mutualistiche e forme di autogoverno».

 



Torna alla homepage

Pubblicato in In fondo a sinistra

Articoli sullo stesso argomento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Ads by Google
immaginazioni
Terza pagina
Culture