Tortura, che brutta legge! Non la vota nemmeno chi l’ha scritta

Legge sulla tortura, passa al Senato (e torna alla Camera) un testo stravolto, peggiore perfino della prima stesura che alcuni consideravano meglio di niente. Manconi si rifiuta di votare

di Checchino Antonini

2012-6-18-cmh-kuxingtu-11

Tortura: 195 voti a favore e 8 contrari, è stata approvata oggi dal Senato la proposta di legge sull’introduzione del reato di tortura nell’ordinamento italiano ma Acad, così come Amnesty International Italia e Antigone non nascondono la propria delusione di fronte a un testo che rischia di normare la tortura piuttosto che punirla. «La lobby delle polizie ha la sua legge: torturare si può, purché si rispettino i piccoli accorgimenti suggeriti dalla legge che ora tornerà alla Camera – dicono gli attivisti di Acad, l’associazione contro gli abusi in divisa - il reato di tortura, invece, dovrebbe essere specifico e imprescrittibile delle forze dell’ordine e dei pubblici ufficiali, come chiede la convenzione internazionale firmata dall’Italia nel’88. Ma la legge che stabilisce che il reato di tortura sia attuato solo con una pluralità di trattamenti disumani o degradanti ed esclude la configurabilità del reato in caso di uso legittimo della forza da parte delle forze dell’ordine a seguito di un ordine impartito. Un risultato imposto dalle pressioni degli apparati di polizia e dell’ambiguo sindacalismo del comparto sempre pronto a difendere gli autori di abusi in divisa e salvaguardare la “licenza di tortura” per gli operatori del settore».

«Il Senato ha approvato una legge truffa sulla tortura, scritta in modo da renderla inapplicabile e in totale contraddizione con la convenzione Onu sulla tortura e con le indicazioni contenute nella sentenza di condanna contro l’Italia della Corte europea per i diritti umani del 7 aprile 2015 (Cestaro vs Italia per il caso Diaz). E’ un testo provocatorio e inaccettabile, che il parlamento non può approvare, se l’Italia intende rimanere nel perimetro delle nazioni democratiche e all’interno della Convenzione europea sui diritti umani e le libertà fondamentali, firmata nel 1950». Così è spiegato bene in una lettera firmata da Enrica Bartesaghi, Arnaldo Cestaro, Lorenzo Guadagnucci (Comitato Verità e Giustizia per Genova); Ilaria Cucchi,  Enrico Zucca (già pm nel processo Diaz), Roberto Settembre (già giudice nel processo d’appello per Bolzaneto), Fabio Anselmo, Michele Passione (avvocato, studioso della tortura), Vittorio Agnoletto (già portavoce del Genoa social forum), Adriano Zamperini e Marialuisa Menegatto (psicologi, autori di studi sulla violenza collettiva e le vittime di tortura), Marina Lalatta Costerbosa (docente universitaria, autrice del libro “Il silenzio della tortura”), Pietro Raitano (direttore di Altreconomia). «Nel testo licenziato dal Senato il crimine di tortura è configurato come reato comune e non proprio del pubblico ufficiale, arrivando alla scrittura di una norma volutamente ingannevole e quindi pressoché inapplicabile; la tortura è tale solo se “violenze”, “minacce” e “condotte” sono plurime (in tutto il mondo si usa giustamente il singolare); la tortura mentale – la più diffusa – è tale solo se “il trauma psichico è verificabile” (quindi sottoposto a incerte valutazioni, con inevitabili disparità di trattamento e lasciando la porta aperta a tecniche, come la deprivazione sensoriale, oggi praticate in tutto il mondo); la possibilità di prescrizione permare (il Senato ha addirittura eliminato il raddoppio dei termini previsto dal testo della Camera, mentre le convenzioni internazionali e la Corte di Strasburgo richiedono la imprescrittibilità del reato); non è previsto alcun fondo per il recupero delle vittime (altro obbligo disatteso, mentre in altre leggi si prevede il rimborso delle spese legali per certe categorie di imputati); nulla si dice – ulteriore mancanza rispetto agli obblighi internazionali – sulla sospensione e la rimozione di pubblici ufficiali giudicati colpevoli di tortura e trattamenti inumani e degradanti.

Se la Camera approvasse questo testo, l’Italia avrebbe una legge che sembra concepita affinché sia inapplicabile a casi concreti; avremmo cioè una legge sulla tortura solo di facciata, inutile e controproducente ai fini della punizione e della prevenzione di eventuali abusi.

E’ nell’interesse dei cittadini e delle stesse forze di sicurezza mantenere l’Italia nel perimetro della migliore civiltà giuridica, perciò chiediamo ad Antigone, ad Amnesty International, alle associazioni, a tutte le persone di buona volontà di battersi con ritrovata fermezza affinché la Camera dei deputati cambi rotta e il parlamento compia l’unica scelta seria possibile, ossia il ritorno al testo concordato in sede di Nazioni Unite. Quel testo garantisce un equilibrato aggiornamento del codice penale e può essere approvato dal parlamento nell’arco di poco tempo, entro la fine di questa legislatura.

“Questa legge – dicono Amnesty e Antigone – qualora venisse confermata anche dalla Camera sarebbe difficilmente applicabile. Il limitare la tortura ai soli comportamenti ripetuti nel tempo e a circoscrivere in modo inaccettabile l’ipotesi della tortura mentale è assurdo per chiunque abbia un minimo di conoscenza del fenomeno della tortura nel mondo contemporaneo, nonché distante e incompatibile con la Convenzione internazionale contro la tortura. Con rammarico prendiamo atto del fatto che la volontà di proteggere, a qualunque costo, gli appartenenti all’apparato statale, anche quando commettono gravi violazioni dei diritti umani, continua a venire prima di una legge sulla tortura in linea con gli standard internazionali che risponda realmente agli impegni assunti 28 anni fa con la ratifica della Convenzione”.

Una legge così brutta che non la riconosce nemmeno il suo primo firmatario, Luigi Manconi, piddì ma spesso in controtendenza con gli spiriti autoritari e sicuritari che albergano nella ditta fondata da ex Pci ed ex Dc. «Non ho partecipato al voto sull’introduzione del delitto di tortura nel nostro ordinamento perché lo considero un brutto testo. E la scelta di non votarlo è per me particolarmente gravosa visto che del disegno di legge che originariamente portava il mio nome, depositato esattamente il primo giorno della presente legislatura, non rimane praticamente nulla. Innanzitutto – spiega – perché il reato di tortura viene definito comune e non proprio, come vogliono invece tutte le convenzioni internazionali dal momento che si tratta di una fattispecie propria dei pubblici ufficiali o degli incaricati di pubblico servizio. Derivante, quindi, dall’abuso di potere di chi tiene sotto la propria custodia un cittadino. Inoltre, nell’articolato precedente, si pretendeva che le violenze o le minacce gravi fossero ‘reiterate’ (e già era un problema grave, ndr). Questa formula è stata sostituita nel testo attuale da ‘più condotte’. Dunque il singolo atto di violenza brutale (si pensi a una sola pratica di waterboarding) potrebbe non essere punito. Ancora, la norma prevede perché vi sia tortura un verificabile trauma psichico. Ma i processi per tortura avvengono per loro natura anche a dieci anni dai fatti commessi. Come si fa a verificare dieci anni dopo un trauma avvenuto tanto tempo prima? Tutto ciò significa ancora una volta che non si vuole seriamente perseguire la violenza intenzionale dei pubblici ufficiali e degli incaricati di pubblico servizio in danno delle persone private della libertà, o comunque loro affidate, quando invece è solo l’individuazione e la sanzione penale di chi commette violenze e illegalità a tutelare il prestigio e l’onore dei corpi e della stragrande maggioranza degli appartenenti».

Ma per Giovanardi Carlo, controversa figura di democristiano di destra esplicitamente a capo della lobby delle polizie è già troppo un testo del genere perché, a suo dire, «pur riconoscendo la correzione di inaccettabili forzature della Camera tese a paralizzare con pregiudiziali ideologiche l’attività delle forze dell’ordine, il testo votato contiene ancora inaccettabili ambiguità che ci hanno portato ad un voto di astensione». Così i senatori di Idea, il partito di cui fa parte il senatore, indagato per presunti favori per una ditta in odor di ‘ndrangheta, noto per le sue dichiarazioni violente contro le vittime di malapolizia e le loro famiglie, non hanno votato il testo che tornerà in quarta lettura alla Camera dei Deputati. «Continueremo a respingere con forza – prosegue Giovanardi – l’accostamento che si continua a fare fra tragiche vicende di tortura vera come quello di cui è risultato vittima Giulio Regeni in Egitto e i nove italiani e trucidati a Dacca con una situazione italiana nella quale comportamenti illeciti sono già puniti dal codice penale con reati come lesioni e percosse, semplici o aggravate che non possono essere però confuse con la tortura, così come viene purtroppo praticata in tanti paesi del mondo».



Torna alla homepage

Articoli sullo stesso argomento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Ads by Google
immaginazioni
Terza pagina
Cronache da Sottosopra

Ho sognato di vivere nel Mondo di SOTTOSOPRA, poi ho aperto gli occhi, ho acceso la TV e il PC e ho

Culture