Magherini, confermate in appello le condanne ai carabinieri

Firenze, si chiude il processo d’appello per l’omicidio colposo di Riccardo Magherini da parte dei carabinieri

di Checchino Antonini

riccardo-magherini-3

8 mesi a Vincenzo Corni, 7 a Stefano Castellano e Agostino della Porta. Assolte le due volontarie della Croce Rossa, Claudia Matta e Jannetta Mitrea. «Per la morte di Riccardo Magherini – commenta a caldo Fabio Anselmo, legale della famiglia Magherini e di Acad, una delle parti civili – oggi la Corte d’appello di Firenze ha restituito dignità alle parti civili, confermando le condanne di primo grado ma riformando integralmente tutte le statuizioni civili, riconoscendo provvisionali importanti a tutti i familiari e riconoscendo anche implicitamente che non vi è nessun contributo causale del povero Riccardo sulla sua morte. Non solo, ma la Corte, accogliendo ancora un nostro specifico motivo di appello, ha ordinato la restituzione degli atti alla Procura affinché proceda contro i carabinieri imputati per il reato di abuso dei mezzi di contenzione: Riccardo Magherini, quando era già ammanettato, è stato sottoposto ad atti di violenza del tutto gratuiti ed illeciti. È stato stato preso a calci. Ora parto per Roma, perché domani ho il processo Cucchi ma oggi è stata una buona giornata. Un pensiero a Clementina, Guido e Andrea». Non è stato un giorno facile per chi voleva bene a Riccardo. Al termine dell’arringa di uno dei difensori, Guido Magherini, padre di Riccardo, s’è alzato in piedi per un applauso amaro dopo i toni sprezzanti adoperati nei confronti della vittima. Alcune ore dopo, la corte d’appello di Firenze ha confermato nella sostanza la sentenza di primo grado con cui furono condannati tre carabinieri per omicidio colposo nella vicenda della morte di Riccardo Magherini, l’ex calciatore quarantenne delle giovanili della Fiorentina, morto durante un fermo da parte dei carabinieri la notte tra il 2 e il 3 marzo del 2014, in Borgo San Frediano, nel centro storico del capoluogo toscano. Gli imputati sono quattro carabinieri e due volontarie della Croce Rossa. La presidente della Corte d’appello, Maria Luisa Romagnoli, ha aperto la camera di consiglio dopo le arringhe dei difensori degli imputati. In primo grado sono stati condannati per omicidio colposo tre dei quattro carabinieri: Vincenzo Corni, a 8 mesi, Stefano Castellano e Agostino Della Porta, a 7 mesi ognuno. Assolti invece il quarto carabiniere e le volontarie della Croce Rossa.

Il procuratore generale Luigi Bocciolini, nella prima udienza, il 15 maggio scorso, ha chiesto condanne di un anno per i tre carabinieri, di un anno per una volontaria del 118 e di 8 mesi per un’altra soccorritrice. Nessuna delle parti che hanno ricorso in appello ha richiamato la posizione del carabiniere assolto in primo grado.

Un leggero ritocco alle miti pene del primo grado e un rinvio a dopo l’estate delle argomentazioni delle difese: non era iniziato bene il processo d’appello per una morte causata da un violento fermo dei carabinieri di un uomo soccorso dal 118 per una grave crisi ed escandescenze causate da cocaina. Aveva 40 anni e un bambino piccolo a cui ha pensato anche negli ultimi istanti di vita, mentre implorava aiuto.

Il sostituto pg di Firenze, Luigi Bocciolini aveva chiesto, nella prima udienza del processo di appello, l’aumento delle condanne, per omicidio colposo, per tre carabinieri e due volontari della Croce Rossa. Aumento di qualche mese rispetto alle già blande pene del primo grado pronunciate a luglio del 2013: un anno per i tre carabinieri, un anno per una volontaria del 118 e di 8 mesi per un’altra soccorritrice. Un altro carabiniere era stato assolto.

Il pubblico ministero vuole un aumento delle pene perché i carabinieri, oltre alle omissioni, avrebbero ammanettato e immobilizzato con pressione sul corpo Magherini, che accusava un malore importante, impedendogli di «respirare liberamente», causandogli un’asfissia mortale e non accorgendosi che così l’ex calciatore era morto; e perché le volontarie nelle stesse circostanze non avrebbero operato con la perizia necessaria. I carabinieri intervennero chiamati dai cittadini dell’Oltrarno che segnalavano un uomo in escandescenze e danneggiamenti.

Fabio Anselmo, legale dei Magherini, aveva esordito ricordando che «gli imputati tutelano la violenza, noi tuteliamo il diritto alla vita». La sua attenzione è stata puntata sui numerosi depistaggi che hanno accompagnato le indagini e la prima fase processuale ma, soprattutto, Anselmo ha voluto confutare la sentenza di primo grado che enfatizza «a dismisura» il ruolo della droga nella morte di Magherini ed esclude categoricamente che vi sia stata compressione toracica a uccidere l’ex calciatore. Sembra una replica del caso Aldrovandi, ma stavolta con molti testimoni. Ricorre, con quella storia, la tesi difensiva della Dse, Excited Syndrome Delirium, sindrome non roconosciuta da buona parte del mondo scientifico, che stranamente miete vittime solo tra persone che si trovano in consegna a funzionari in ordine pubblico o legati a un letto d’ospedale. Ricorre un consulente tecnico, il professor Chiarotti, che mai s’è presentato in aula per confrontarsi pubblicamente e fisicamente con i suoi colleghi della controparte, a Firenze come a Ferrara.

Le cause della morte di Riccardo Magherini sono «legate ad un meccanismo complesso, tossico, disfunzionale cardiaco e asfittico sulle quali si sono dichiarate concordi senza che allo stato fossero da richiedersi accertamenti o approfondimenti». Il problema è il dosaggio delle concause e, a quanto sostiene Anselmo, gli errori di procedura di metodo contenuti nella sentenza per sbilanciare l’esito del processo non troppo a sfavore dei carabinieri. Un cuore sano, come quello dell’ex calciatore della Fiorentina, può morire di overdose di cocaina solo per infarto e a seguito di dosi massicce di sostanza. Non è il caso del “Maghero”, come lo chiamavano gli amici che, quella notte aveva un valore non alto di sostanza nel sangue (0,5). Ma il giudice di primo grado sembra ignorare i suoi stessi consulenti e dar un peso notevole a una perizia filo-Dse firmata – per conto dei carabinieri – da un tossicologo farmacista che, come tale, non potrebbe «in autonomia – dice Anselmo – avere la legittimazione e competenza necessari ad autorizzarlo ad esprimersi addirittura sulla causa di morte ben al di là del limite invalicabile della sola valorizzazione e commento delle analisi svolte come mero farmacista tossicologo».

Ma ci sono anche «errori nell’analisi di merito» nella memoria che il legale della famiglia Magherini, ha presentato in aula. Da questa mole di errori, scaturirebbe la «surreale ricostruzione dei fatti, spesso incomprensibile nei suoi passaggi logici, tutta tesa a negare una condotta commissiva degli operanti concretizzatasi viceversa in una prolungata e violenta compressione a terra del corpo del Magherini In posizione prona, e prolungatasi ben oltre il suo ammanettamento con le mani dietro la schiena».

E’ quello che “dice” la lesione al fegato di Ricky, segnalata dal perito del pm ma «inspiegabilmente ignorata dal giudice», insisterà Anselmo. Il professor Norelli, perito della pubblica accusa, spiega quelle lesioni come conseguenza dei tentativi di immobilizzazione, calci e compressione “non consona”, da parte di qualcuno a cavalcioni sulla schiena della vittimaLa stessa storia “raccontata” dalle lesioni alle costole frettolosamente archiviate come effetti collaterali delle manovre rianimatorie. Di calci sferrati alla vittima, anche quando era a terra, riferiscono tutti i testimoni di quella notte. Ma la sentenza sembra avere inchiostro solo per il dato tossicologico, per negare l’asfissia indotta dalla compressione ma, per le parti civili, non spiega mai come lo stress di quella notte abbia fermato il cuore sano di Magherini. Eppure i consulenti di parte dei carabinieri e la stessa sentenza non possono evitare di ammettere che c’erano petecchie encefaliche e cardiache o un enfisema polmonare che la medicina legale ritiene significative dell’insorgere dell’asfissia ma che il perito dei cc definisce “petecchie a valenza non petecchiale”. Fu asfissia e si sa fin dall’autopsia. «Non di un’asfissia diretta ma di un meccanismo asfittico progressivo determinato da un’altrettanta progressiva riduzione compromissiva della funzione respiratoria», ammette il perito ignorato dalla sentenza. Riccardo era faccia a terra. E, in quella posizione si respira male anche se un consulente dell’Arma proverà a dire che anzi, con la faccia così si respirerebbe meglio. «Ogni minuto trascorso inutilmente senza soccorrerlo ha compromesso le sue possibilità di essere salvato – ricordava Fabio Anselmo – e Riccardo è morto per asfissia per il solo fatto che non gli è stato materialmente permesso di soddisfare il suo fabbisogno di ossigeno reso particolarmente necessario dal maggior impegno cui è stato sottoposto sul piano emotivo (stress e paura) e fisico (colluttazione, dolore e compressione)». Non ci sono elementi per sostenere che sarebbe morto comunque, anche se non avesse incontrato quei carabinieri.

#perchenonaccadamaipiu‘ #ILoveRiky



Torna alla homepage

Articoli sullo stesso argomento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Ads by Google
immaginazioni
Terza pagina
Culture